Eberstein Ariel

  • Contrabbasso
Suona il:

Nato a Buenos Aires, in Argentina, nel 1979, si appassiona al contrabbasso a 16 anni, cominciando a studiarlo nel 1997 a Buenos Aires sotto la guida di Miguel Ángel Villarroel. Nel 2002, il talento dimostrato gli frutta una borsa di studio della Fondazione “Antochas” di Buenos Aires per studiare a Vienna sotto la guida di James Rapport e Andrew Ackerman. Successivamente si trasferisce in Belgio per proseguire gli studi presso il Conservatorio Reale di Bruxelles sotto la guida di Frank Coppieters, ottenendo la laurea magistrale dopo un programma di scambio Erasmus annuale completato presso il Conservatorio Reale dell’Aia nel 2010 sotto la guida di Quirijn van Regteren Altena. Conclusi gli studi, acquisisce una padronanza sempre maggiore del proprio strumento frequentando masterclass e lezioni private. Ha collaborato con numerosi direttori d’orchestra famosi in tutto il mondo e si è esibito con le più importanti orchestre del Belgio, tra cui l’Orchestra della Vlaamse Opera, l’Orchestra Nazionale del Belgio, l’Orchestra Sinfonica di Anversa, l’Orchestra Filarmonica di Liegi, l’Orchestra dell’ ”Opéra Royal” della Vallonia, L’Orchestra de “La Monnaie/De Munt”, e la Filarmonica di Bruxelles. Si è esibito nelle più importanti sale da concerto europee e americane, tra cui il Concertgebouw ad Amsterdam, il Musikverein e la Konzerthaus a Vienna, il Festspielhaus a Salisburgo, la Cité de la Musique a Parigi, il Palazzo delle Belle Arti e il Centro Culturale Flagey a Bruxelles, il Museo della Storia degli Ebrei Polacchi a Varsavia, Londra, Edimburgo e il Teatro Colón a Buenos Aires.   Fin dal 2014, Ariel ha approfondito la sua conoscenza del tango guidando il quintetto “Sónico”, di stanza a Bruxelles, in occasione di un progetto mirato a fare luce sull’opera di Eduardo Rovira, visionaria figura di compositore di tango contemporaneo spesso conosciuto come “l’altro Astor Piazzolla”. Nel mese di agosto 2018, “Sónico” ha presentato il suo primo album «Eduardo Rovira: La Otra Vanguardia [Eduardo Rovira: l’altra avanguardia – N.d.T.]» a Buenos Aires, in qualità di più importante ospite internazionale del Festival del Tango di Buenos Aires, confermandosi come uno dei più innovativi ensemble di tango in Europa. La presentazione europea dell’album di “Sónico”, unico collettivo europeo invitato alla nuova rassegna di concerti “100 years of Tango [100 anni di tango – N.d.T.]”, ha avuto luogo al Palazzo delle Belle Arti di Bruxelles nel mese di marzo 2019.   Attualmente, Ariel Eberstein coltiva un proficuo rapporto professionale con la coreografa Lisi Estarás. Nel mese di luglio 2018 hanno collaborato in occasione dei seminari di Les Ballets C de la B a Gent, in Belgio. Nel mese di agosto 2018, lo spettacolo della Estarás «Sapiens Rabia» al Teatro di Balletto “San Martín” di Buenos Aires, in Argentina ha incluso nella propria colonna sonora una parte per contrabbasso solista. La loro ultima creazione comune, dal titolo «D-Effect» per tre giovani danzatrici femminili, 2 danzatori con sindrome di Down e contrabbassista, risalente al mese di ottobre 2018 per la piattaforma “Passerelle vzw” a Courtrai, in Belgio, include la prima esperienza di esibizione teatrale di Ariel Eberstein.

Nel mese di febbraio 2017 e 2018, Ariel Eberstein è il curatore-artista della serata dedicata al tango in occasione del Festival del Museo della Storia degli Ebrei Polacchi di Varsavia, in Polonia, in un programma teso a sottolineare l’importanza dell’ebraismo per lo sviluppo del tango. Nel mese di dicembre 2018, Ariel Eberstein ha registrato l’ultimo album di Fernando Otero «Together/Ensemble», per quattro volte vincitore di un Grammy, esibendosi inoltre nell’ambito del tour europeo effettuato dal Maestro Otero nel 2017. Nel mese di luglio 2018, il Maestro Eberstein è stato invitato dalla celebre pianista Martha Argerich a esibirsi nel concerto conclusivo del Festival a lei dedicato nella città di Amburgo.