Yuri Bashmet

  • Viola
Suona il:
Ha suonato anche nel:

Con il suo virtuosismo, la forza della sua personalità e la sua grande intelligenza, Yuri Bashmet ha dato alla viola una nuova importanza. Egli ha motivato i più importanti compositori del nostro tempo ad ampliare il repertorio con nuovi e significativi brani. E’ Direttore Artistico del festival December Nights, Mosca, Direttore Principale della Novaya Rorriya State Symphony Orchestra, e il fondatore?/? direttore dei Solisti di Mosca. Yuri Bashmet ha trascorso la sua infanzia a Lviv in Ucraina prima di studiare al Conservatorio di Mosca con Vadim Borisovsky (del Quartetto Beethoven) e Feodor Druzhinin. Nel 1976, ha vinto il Concorso Internazionale di Viola a Monaco. Da allora si è esibito con le più grandi orchestre del mondo, tra cui Berlino e Wiener Philharmoniker, Royal Concertgebouw Orchestra, Boston, Chicago e Orchestre Symphonique de Montréal, New York Philharmonic, la London Philharmonic e la London Symphony Orchestra. Ha stimolato molti compositori a scrivere per lui, e ha stretto rapporti con Alfred Schnittke e Sofia Gubaidulina. Altri concerti scritti per lui sono lavori di Poul Ruders, Alexander Tchaikovsky e Alexander Raskatov. Ha anche tenuto le prime mondiali di Styx di Giya Kancheli, il «Portatore di Mirra» di John Tavener e «Su un terreno aperto» di Mark-Anthony Turnage - che sono stati scritti per lui. Nel dicembre 2002 Bashmet è diventato Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica della Nuova Russia. Altre orchestre con cui si presenterà come conduttore?/?solista includono Dresdner Philharmoniker, Orquesta Ciudad de Granada, Tokyo Philharmonic, Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, Camerata Salzburg, Royal Liverpool Philharmonic, Saint Paul Chamber Orchestra, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e Bruxelles Philharmonic. Egli è il fondatore dei Solisti di Mosca, un ensemble che ha diretto e con il quale si è esibito dal 1992. Nella musica da camera tra i suoi più stretti collaboratori figurano: Sviatoslav Richter, Gidon Kremer, Mstislav Rostropovich, Maxim Vengerov, Natalia Gutman, Viktoria Mullova e il Quartetto Borodin. Formò un trio di grande successo con la mezzosoprano Angelika Kirchschlager e il pianista Jean-Yves Thibaudet. Altri recenti progetti di musica da camera includono trii di Beethoven con Anne Sophie Mutter e Lyn Harrell. Egli è un assiduo frequentatore di festival estivi come Elba, Verbier e il festival di Martha Argerich in Giappone e Pietrasanta in Concerto in Toscana. Tra i suoi molti CD vi è una registrazione per la Deutsche Grammophon del Concerto di Gubaidulina e Styx di Kancheli, vincitore di un premio Diapason d’Or e una nominazione ai Grammy. Altri dischi dalla DG sono la Sinfonia Concertante di Mozart con Anne-Sophie Mutter, il Quartetto per pianoforte n°?1 di Brahms con la Argerich, Kremer e Maisky, e il recentemente rilasciato Bartók Concerto con la Berliner Philharmoniker e Boulez. Per Onyx, insieme ai Solisti di Mosca hanno avviato una serie di registrazioni acclamata dalla critica: sinfonie da camera di Shostakovich, Sviridoc e Vainberg, musiche di Stravinsky e Prokofiev (che ha ricevuto un premio Grammy) . Yury Bashmet suona una viola Testore del 1758.